Pubblicato il: 1 Settembre 2017

Cageless al Teatro Arcobaleno. L’intervista ad Ornella Amodio

In Teatrando con

Cageless” è un disco e un progetto teatrale multimediale, scritto e diretto da Ornella Amodio e Susanna Rienzi. Lo spettacolo, in scena il 10 settembre alle 18.00 al Teatro Arcobaleno di Roma, si compone di brani musicali, eseguiti dal vivo, e video multimediali interattivi ai quali si alternano i monologhi recitati dalla Amodio che abbiamo avuto il piacere di intervistare.

 

“Cageless” è un progetto teatrale multimediale. Che cosa significa con esattezza?

Cageless è uno spettacolo che utilizza diversi linguaggi di comunicazione. Il testo, la musica e i video.  Durante lo spettacolo si alternano monologhi, canzoni e video interattivi.

Lo spettacolo è stato scritto e diretto a quattro mani insieme a Susanna Rienzi. Come è nato il vostro incontro?

Si lo spettacolo è stato scritto da me e da Susanna che è autrice anche dei testi e delle musiche. L’incontro è stato casuale come spesso accade. Per un progetto esterno che seguivamo entrambe con le nostre associazioni.. Poi ci siamo conosciute meglio e Susanna un giorno mi ha fatto ascoltare dei brani che aveva composto. I testi erano in linea con un progetto che avevo in mente da un po’. E la cosa straordinaria è stata che i suoi testi dicevano le stesse cose che avevo in mente io. Così abbiamo unito le nostre forze ed è nato “Cageless”.

È prevista una tournèe per “Cageless” e quali sono, in generale, i vostri progetti futuri?

Alla tournèe stiamo lavorando. Non è facile portare in giro tante persone. Siamo 7 in scena. Infatti stiamo lavorando anche a una versione alternativa di Cageless, decisamente più semplice. Lo spettacolo è in continua evoluzione e cambia a ogni replica. Quindi è aperto a moltissime soluzioni.

Lo spettacolo racconta di una donna che si rende conto di essere in gabbia da sempre. Cosa intendi tu per “gabbia” e quanto del tuo vissuto personale c’è all’interno di “Cageless”?

Con gabbia intendo tutto quello che ci rende, consapevolmente o inconsapevolmente, prigionieri di noi stessi, e che non ci fa vivere ma contrattare costantemente. Siamo in continua reazione, e rarissime volte agiamo. Certo che c’è molto di mio nello spettacolo. Si parte sempre dal conosciuto e dal familiare per poi andare oltre. Ma osservando tutto quello che mi circonda e stando sempre in ascolto ho visto tante di quelle gabbie che non basterebbe uno spettacolo per descriverle.

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Vittorio Hamarz Vasfi

Vittorio Hamarz Vasfi e “3 attori in affitto”

Immagine da web dare il giusto peso alle situazioni più difficili Torna in scena al Teatro delle

Read More...
Festival Teatramm

Serata di gala per la consegna dei premi ‘Teatramm’

Una serata che ha regalato emozioni Una serata di gala per consegnare i Premi e festeggiare la fine del Primo

Read More...

Parte il Festival “Il teatro che non c’era”

Un amico insostituibile! Dal 13 settembre al Teatro Studio  Keiros di Roma, parte il Festival “Il teatro che non c'era”

Read More...

Mobile Sliding Menu