Straordinaria Giuliana De Sio in Favolosa

Favolosa è lo spettacolo che racconta le originarie favole dei peccerille

Favolosa è lo spettacolo che ha per protagonista Giuliana De Sio insieme ad un trio musicale formato da Cinzia Gangarella al pianoforte, Marco Zurzolo al sax e Sasà Flauto alla chitarra, andato in scena all’Arena Teatro Tor Bella Monaca di Roma. Tra gli spettatori anche la sorella dell’attrice, Teresa De Sio, che l’ha omaggiata con un applauso fattole fin sotto il palco.

Il testo prende origine da tre favole di Gianbattista Basile e tratte dall’antologia de Lo Cunto de li Cunti overo lo trattenemiento de peccerille, dove lo scrittore aveva raccolto storie e favole in giro per le campagne campane e lucane. Racconti, storie, pettegolezzi, sconcerie, ma anche storie cupe e sanguinarie che Basile raccolse nel suo libro, un originale raccolta che racconta d’Italia.

Così nell’Arena piena di spettatori, la De Sio si presenta al suo pubblico entusiasta e comincia a raccontare delle favole, quelle vere, non stereotipate dalle major americane, ma quelle da cui sono state tratte le famose storie della Disney.

Tre racconti, scelti tra i più famosi, la storia reale di Cenerentola, La gatta Cenerentola, una fiaba di riscatto, poi la seconda, La vecchia scorticata, una fiaba sul non voler invecchiare e aver paura di farlo. La terza, invece, mette in evidenza la furbizia della donna, capace di vincere anche sul diavolo: La femmna e o’ diavl. Tutte fiabe che raccontano di noi, del nostro essere italiani o meglio umani. Racconti scritti in lingua napoletana, che arrivano dal Seicento rispecchiano l’animo umano, un po’ come hanno fatto le tragedie e le commedie di Shakespeare.

L’attrice le interpreta e racconta con enfasi portando lo spettatore a rivivere la storia, interagendo con il pubblico in modo affabile. È un contatto continuo che l’attrice gestisce con maestria, restituendo un mix di teatro, quello attraverso i racconti, di storia, la sua, di come è nato il suo amore per il mondo dello spettacolo, ma anche di musica, interpretando alcune canzoni della storia della musica italiana e internazionale.

Da qui la sua voglia e passione e il racconto dell’Italia che l’ha vista protagonista insieme ai suoi idoli. Quarant’anni in cui ha conosciuto personaggi e protagonisti: c’è spazio per Maradona, Massimo Troisi, Pino Daniele, per la storia di una Napoli e di un’Italia ricca di musica, campioni e tanti artisti. Ma è anche occasione per ricordare, attraverso le canzoni che fanno da intermezzo tra una storia e l’altra, cantanti straordinari, storie di momenti passati che la De Sio condivide con il pubblico.

Con lei sul palco tre straordinari musicisti Cinzia Gangarella, Marco Zurzolo e Sasà Flauto che hanno regalato momenti bellissimi tra musica e canzoni. Bravi, anzi bravissimi, in uno spettacolo che mantiene sempre alta l’attenzione e la passione.

Sissi Corrado

Responsabile del Blog Interessi tanti: lettura, scrittura, teatro, cinema, musica, arte, collezionismo, sociale, ecc.

Leggi anche