Pop Up Theatre, il teatro incontra il territorio

Il teatro esce dall’edificio per incontrare il pubblico in strada

Fino al 18 dicembre Pop Up Theatre Libero Teatro in Libera Città, un festival ad accesso libero che coinvolge i parchi dei Municipi IV, V, VII, IX, X, realizzato con il sostegno del Ministero della Cultura-Direzione generale Spettacolo e vincitore di “Lo spettacolo dal vivo fuori dal Centro – Anno 2022”. Coinvolti in questa iniziativa, molti artisti delle realtà territoriali: Rete SanbArte, Ludici Manierati, Taiko Trio, Cirque de Tu Sorèl, Fuori Contesto, Esosementi, BandaJorona, Teatro del Lido di Ostia, Teatro Ygramul, Liceo Anco Marzio e Labriola di Ostia.

Tra gli artisti: Chiara Casarico, Tiziana Scrocca, Rita Superbi, Catia Castagna, Marilena Bisceglia, Emanuela Bolco, Veronica Milaneschi, Elisa Spano, Claudia Sorrentino, Silvia Torino, Bianca Giovannini, Desirèe Infascelli, Daniele Ercoli, Danilo Turnaturi, Jessica Bertagni.

Un festival che rivede la posizione dell’arte a più stretto contatto con i cittadini, con chi, spesso, non accede ai grandi teatri o che, per mancanza di voglia, cultura, interesse, si ritrova a non conoscerne l’importanza e la necessità, lì dove il teatro prende forma di riscatto sociale, di dibattito, di racconto, di realtà. Ma l’arte è bellezza e la bellezza non la si può tenere chiusa in una teca, al sicuro in un palazzo, essa grida la sua forza e necessità. E allora ecco che il teatro esce dagli edifici, dalle quattro mura nelle quali suda di prove e lavoro, per diffondersi nei parchi all’aperto con i suoi monologhi, dialoghi, lazzi di commedia dell’arte, giocoleria, clown, musica.

L’animazione che non sarà solo attenzione e dedizione alla bellezza, quanto momento di aggregazione, ritrovo e condivisione tra artisti e pubblico, ma anche tra le diversità del pubblico stesso che si ritroverà nell’essere convolto in tante realtà teatrali, sempre più vicine al territorio. Un compito che si racchiude nella dichiarazione stessa del festival: “Pop Up Theatre” esce dai luoghi preposti (il teatro) per farsi strumento di unione sociale a partire dalla strada, dal cortile, dalla piazza, dal parco, per restituire alla città i suoi primi naturali nuclei di aggregazione sociale che sono appunto i luoghi all’aperto e coinvolgere attivamente il territorio in cui opera”.

L’arte si avvicinerà al pubblico con naturalezza, all’improvviso, ricordando lo stile pop up che predilige l’essere itinerante e spontaneo, andando a ricercare quelle zone del quadrante Sud Est delle periferie romane, dove necessità diventa virtù. Saranno intense prove e condivisioni che gli artisti metteranno a disposizione del pubblico con l’impegno reale di una messa in scena in teatro.

Per tutte le altre informazioni, consultare http://www.ilnaufragarmedolce.it/rassegne/pop-up-theatre/

Sissi Corrado

Responsabile del Blog Interessi tanti: lettura, scrittura, teatro, cinema, musica, arte, collezionismo, sociale, ecc.

Leggi anche