Intervista ad Emilia Miscio in scena al Festival Teatrale Teatramm’

Sei personaggi in cerca d’Attore
Sei personaggi in cerca d’Attore

Uno dei primi spettacoli in scena alla terza edizione del Festival Teatrale Teatramm’ è Sei personaggi in cerca d’Attore, regia di Emilia Miscio

Si esibirà il 31 agosto alle ore 21.00, al Teatro Marconi di Roma per la terza edizione del Festival Teatrale Teatramm’, la Compagnia Sogni di Scena con lo spettacolo Sei personaggi in cerca d’attore scritto e diretto da Emilia Miscio. In scena Simone Giulietti, Mattia Cirelli, Antonino Palmeri, Cristiano Migali, Marco Gargiulo, Fabrizia Sorrentino, Federica Pallozzi Lavorante, Gabriella Iovino, Emanuele Grassetti.

Lo spettacolo, attraverso il suo titolo, gioca con la più famosa pièce di Pirandello, ma cita e omaggia anche altre opere teatrali e cinematografiche. Un giallo nel giallo ricco di gag.

Bentornata Emilia sulle pagine di CulturSocialArt. Il tuo cammino artistico ti ha portata a partecipare al Festival Teatrale Teatramm’. Cosa vi ha spinti a sceglierlo?

Ciao Sissi e grazie come sempre dell’ospitalità. Credo che in questo momento partecipare a festival e rassegne sia di grande sostegno per le compagnie teatrali, in quanto è difficile programmare stagioni, visto ancora il clima di incertezza che aleggia nel nostro campo artistico. Sono molto contenta che il mio testo sia stato selezionato per partecipare al Teatramm’, che ritengo essere un’ottima vetrina e luogo di aggregazione per conoscere altre compagnie romane.

Partirete la prima serata del festival e sarete il secondo spettacolo in scena, in una specie di staffetta. Come vi state preparando e quali emozioni portate con voi?

Io e gli attori che partecipano al festival siamo molto entusiasti e non vediamo l’ora di presentare lo spettacolo. Questo è uno spettacolo che ha visto la luce nel 2019 e nel 2020 con altri cast ed è stato portato in scena in altri teatri, partecipando anche ad un’altra rassegna l’anno scorso. Questa volta non sto nella pelle nel presentarlo alla giuria del Teatramm’ e gli attori stanno provando anche nei mesi estivi con grande professionalità e tenacia.

Sei personaggi in cerca d’Attore
Sei personaggi in cerca d’Attore

Lo spettacolo che porterai con la tua compagnia è Sei personaggi in cerca d’Attore, uno spettacolo che è andato in scena prima delle chiusure obbligatorie dei teatri. Un giallo nel giallo. Cosa o chi ti ha dato l’idea per scrivere il testo?

In questo spettacolo ho coniugato e quindi sono stata ispirata, dalla passione per il genere del giallo (sia cinematografico, che teatrale e letterario) e dal mio lavoro in campo teatrale come regista, dove in tanti anni sul palco di cose ne sono successe, divertenti e anche meno divertenti (fra gli attori o in fonica), che racconto e descrivo nel mio spettacolo, in chiave ironica

Molto di ciò che viene messo in scena è il “dietro le quinte” un paradiso o inferno, dipende da come lo si considera, qual è il tuo approccio con questa parte della messa in scena?

Per me il dietro le quinte è importante e funzionale tanto quanto ciò che si svolge in scena, ed entrambi sono fortemente legati: non potrebbe esistere l’uno senza l’altro. Il dietro le quinte è il regno del mio direttore di scena, che svolge un ruolo fondamentale per la buona riuscita di uno spettacolo. E nel dietro le quinte inserisco anche il reparto fonica (audio e luci). Questo è un tema a me molto caro che tratto anche nello spettacolo che porto al Teatramm’: purtroppo chi non è addetto ai lavori – e ahimè a volte anche chi è addetto – “vede” solo il palco con gli attori e la loro performance, ma quella performance non potrebbe esistere senza quelle luci e quei suoni messi dal fonico e senza il coordinamento del direttore di scena dietro le quinte. Ovviamente ci sono tante altre figure che non si “vedono” ma sono fondamentali, come il costumista, lo scenografo, ecc.

Nello spettacolo vengono citate opere teatrali e cinematografiche quali sono quelle a cui ti senti maggiormente legata?

Più che citate, ci sono opere di ispirazione al testo che ho scritto, prime fra tutti i grandi gialli di Agatha Christie nelle varie trasposizioni cinematografiche, pensiamo ad esempio alla serie di casi risolti dall’ispettore belga Poirot. Altra fonte di ispirazione è ovviamente Pirandello con il suo metateatro, perché “Sei personaggi in cerca d’attore” – come avrà modo di vedere il pubblico e la giuria – è soprattutto uno spettacolo di meta teatro.

Sei personaggi in cerca d’Attore
Sei personaggi in cerca d’Attore

Siete stati in scena anche al Teatro Ghione di Roma, quali sono stati i commenti che avete ricevuto come riscontro per questo spettacolo?

Il riscontro della critica è stato più che positivo, come si evince dalle recensioni che sono uscite, mentre il pubblico con le sue risate ed applausi ha riempito la platea e la galleria e io sono strafelice che ad ogni replica di questo spettacolo, riesco a far conoscere quella parte “nascosta” ma tanto importante di cui parlavo prima: lo spettacolo che non si fa solo con gli attori.

Il teatro ha passato un periodo di chiusura, come lo hai vissuto tu e come lo ha vissuto la compagnia?

Il teatro purtroppo ha vissuto più di un periodo di chiusura, come altre attività lavorative. Personalmente non l’ho vissuto bene, almeno il primo periodo di chiusura, ma poi mi sono rimboccata le maniche davanti alla nuova situazione e sono riuscita comunque nel 2020 a portare in scena alcuni spettacoli e a partecipare ad una rassegna con diversi gruppi di attori.

Come ti approcci a queste aperture per i live e quali sono, secondo te, i modi migliori per riportare il pubblico in teatro?

Io ritengo che come per qualsiasi altra cosa, le persone che erano amanti del teatro prima, continueranno ad esserlo anche in futuro. La difficoltà che c’è sempre stata è quella di convincere i diffidenti ad andare a teatro, perché spesso soprattutto dai giovani, il teatro viene considerato un luogo noioso e per “vecchi”. Da sempre gli attori, il regista e i tecnici hanno dovuto svolgere un secondo lavoro, che è quello di portare gente a teatro e questo oggi continua ad essere un problema che si è moltiplicato a causa della pandemia

Grazie per essere stata con noi e in bocca al lupo per il festival!

Grazie a te e grazie di sostenere il teatro sempre. Viva il teatro!

Print Friendly, PDF & Email

Se il nostro servizio ti piace sostienici con una donazione PAYPAL

Sissi Corrado

Responsabile del Blog Interessi tanti: lettura, scrittura, teatro, cinema, musica, arte, collezionismo, sociale, ecc.

LEGGI ANCHE