Pubblicato il: 28 Marzo 2019

Money o del salto sul sicuro

In Recensioni

Certo si può apprezzare la contraddittorietà che il testo evidenzia

Abbiamo assistito allo spettacolo Money presso Camere d’Aria a Bologna, 2° appuntamento della Rassegna “E’ sull’Orlo del Precipizio che L’Equilibrio è Massimo” di cui demmo contezza della sua genesi su queste pagine, qualche mese fa orsono… La storia è presto detta: – due ragazzi e due ragazze, coinquilini e dai caratteri ben delineati: il figlio di papà, la ragazza modaiola, la nerd e il quarto che potremmo definire il pragmatico – trovano una borsa con della cocaina: da qui vari conflitti morali, se tenerla spacciarla gettarla etc…. Nel frattempo due balordi – lui straniero (albanese, slavo, muslim?) e lei, accento romano (e perché???) universitaria outcast – cercano la suddetta borsa per conto di una crudelissima “boss” chiamata Contessa, dall’accento inglese (ancora una volta: perché????). I ragazzi alla fine decidono di tenere la borsa e organizzano una gran festa cui parteciperanno anche i loro inseguitori con un finale cui si elimineranno vicendevolmente tranne due che… ma qui ci fermiamo per non incorrere in pieno nel reato di spoiling. Che dire… : lo spettacolo ci ha dato l’idea di qualcosa di già visto e rivisto da Tarantino a Trainspotting…. il che non vuol dire: i temi nell’arte si ripetono da milioni di anni, però la sensazione di fondo è di una certa scarsa originalità nel cercare un punto di vista forse più straniante sull’intera faccenda.

La cocaina – e dunque il denaro – sono davvero il male che circola nella società, ma questo si sa: che dei bravi ragazzi (ma non alla Scorsese…) accettino di spacciarla dopo monologhi di auto-convincimento con pippone morale… beh questo è fin troppo stilizzato e prevedibile. Così come, tutta l’aurea fumettistica, la messa in scena pervadente, porta ad un sostanziale disancoramento dalla realtà anche economica e sociale del neoliberismo imperante (a furia di stilizzare resta ben poco): in sostanza, decidere di spacciare cocaina per soldi non è diverso che desiderare di comprare un vestito griffato o l’ultimo phone e qualcosa e dunque davvero può tentare tutti: ma questa terribile verità andrebbe declinata un po’ più abissalmente o “personalmente” (non sarebbe stato meglio una storia vera, con tanto di proiezioni social?). Così come non si capisce il motivo per cui ciascuno dei personaggi parli un accento diverso: un tentativo di sprovincializzare la performance e di dare alla storia un carattere universale? Ma non sarebbe stato meglio andare fino in fondo a qualcosa di unico, di particolarissimo? Chessò il rapporto di ciascuno degli interpreti con le droghe? O una storia minima ma da approfondire in verticale? Fino all’abisso? Non è poi questo lo specifico teatrale che è più verticale che orizzontale diciamo così, altrimenti non c’è grande differenza col cinema che è piuttosto orizzontale, diegetico. Il teatro dovrebbe scendere in quel precipizio che contribuisce a dare il titolo alla rassegna. Forse i monologhi potevano essere alternati alla vicenda ripresa come in un film e proiettata per l’intero spettacolo…

Certo si può apprezzare, come qualcuno ha pur segnalato nelle discussioni successive, la contraddittorietà che il testo evidenzia: ciascuno dei personaggi in qualche modo è il portato di una contraddizione, “condizione tipica dei trentenni”: il tutto condensato dal personaggio di Contessa così cattivissimo da mandare al diavolo i suoi genitori, ma poi così infantile da piangere per un nonnulla abbracciando il suo orsacchiotto da cui “prende ordini”. Ma anche questo è abbastanza clichée se mi si è consentito. E forse oggi occorrono piuttosto inni alla certezza della lotta e del rivolgimento socio-economico piuttosto che ennesime geremiadi sulle nostre condizioni “amletiche”. Insomma, stando al titolo della rassegna, qui di vertigine per il limite da superare se n’è visto poco, si potrebbe dire: Money o del salto sul sicuro.

Comunque va apprezzato l’impegno dei ragazzi che sono giovani e ci credono e sono anche abbastanza bravi: originale l’idea di cambi di abiti ai lati del palco in piena vista degli spettatori, a parte che ciascuno di loro interpretava più di un personaggio e questo non è facile.

Così come va sempre sottolineato l’impegno eccezionale di Camere d’Aria che in un ambiente così teatralmente istituzionalizzato come Bologna, nel campo del teatro-off e non solo, è l’unicum!

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Elena Bonelli: dallo stornello al rap

le culture popolari continuano a trasformarsi, ibridarsi La memoria, le radici e  la creatività sono parte dell’identità di un

Read More...
Progetto Auschwitz

Progetto Auschwitz

un momento anche per riflettere sul periodo che stiamo attraversando Due eventi caratterizzeranno questo fine settimana per ricordare la Shoah. A

Read More...

Un testo e un racconto struggente: Tango del calcio di rigore

Il racconto di un calcio che non vorremmo vedere È possibile raccontare la storia di un paese, della crudeltà dell'umanità

Read More...

Mobile Sliding Menu