Prima serata di Sanremo 2022

Riparte la manifestazione più attesa e pubblicizzata di questi ultimi mesi, Amadeus apre Sanremo 2022

Il mondo della musica italiana riparte con la 72esima edizione del Festival di Sanremo 2022, condotto anche quest’anno da Amadeus è il primo festival post pandemia con il pubblico in sala. Grande l’emozione per questa ripartenza, così tanta che anche la co-conduttrice della serata, l’attrice Ornella Muti, è apparsa emozionata e titubante nel muoversi sul palco dell’Ariston.

Abiti elegantissimi per la Muti che ha affascinato il pubblico e raccontato momenti della sua carriera artistica rispondendo alle domande di Amadeus mentre sullo sfondo appaiono le immagini degli attori con i quali ha lavorato: un omaggio al cinema e un appello “Mi raccomando, andate a cinema, a teatro, ci regalano emozioni e magia”. Un palco con una scenografia bellissima, da trasportarci nei tanti mondi della musica presenti sul palco, un po’ astronave, un po’ stargate, la macchina che permetteva, nell’omonimo film e telefilm, entrambe pronte e traghettarci fra i mondi dell’universo, in questo caso musicale.

Poi arriva Fiorello, annunciato da Amadeus come ex amico. Lo showman fa il suo ingresso dall’esterno del teatro Ariston a suon di musica che ricorda tanto la poesia in canzone “San Martino”. E da lì è un continuo di parole a raffica, dove proibisce al presentatore di parlare perché lo ha “costretto” a tornare sul palco, ma lui avrebbe voluto seguire il festival sul divano di casa con il suo plaid, un po’ come Mattarella. E sì, lui è il Mattarella di Sanremo, è la terza dose booster. Tanto humor alla ricerca di buonumore che esplode con le canzoni tristi cantate con ritmi allegri, perché, come spiega lo stesso Fiorello, “la tristezza va combattuta” con il buonumore.

Tanti gli ospiti presenti sul palco e i primi sono i Maneskin reduci dal trionfo dell’anno scorso sullo stesso palco, ma anche dalla vittoria all’Eurovision Song Contest 2021 e dal successo planetario che li sta accompagnando in giro per il mondo, con concerti, collaborazioni e apprezzamenti per la giovane band italiana, che da cenerentola è salita alla ribalta della musica internazionale. Giovani, eleganti e pieni di rock, i Maneskin omaggiano il palco di Sanremo che è tutto dalla loro parte. Due brani quelli che hanno regalato al pubblico: il successo sanremese “Zitti e Buoni” e la ballada dolce e rockeggiante “Coraline” ed è standing ovation per la band romana che ringrazia, mentre non passa inosservata, alla fine della seconda esibizione,  la commozione di Damiano.

Altro ospite il giovane è Matteo Berrettini, salito al numero 6 nel ranking mondiale Atp e reduce dagli Australian Open, campione di tennis e atleta che sta battendo record italiani. Timido ed elegante, si muove con insicurezza sul palco, non è la stessa cosa che stare in campo, ma lì conosce i suoi avversari e, come ammette lui stesso, sta provando a batterli.

Tra gli ospiti anche la band italianissima dei Meduza formata dai producer Mattia VitaleSimone Giani Luca De Gregorio in coppia con Hozier che stanno spopolando con il brano Tell It To My Heart, successo planetario, segno che la musica italiana è tornata sulla scena internazionale.

E poi l’omaggio a Franco Battiato, scomparso l’estate scorsa a cui viene dedicato un video fra le note de “La cura” e il tema ambientale portato in risalto dalla Muti che ha donato un albero ad Amadeus e alle altre compagne di viaggio. In chiusura anche l’omaggio ad Amadeus che riceve il premio “Città di Sanremo” per questi anni alla conduzione del festival e a consegnarlo il sindaco Alberto Biancheri a cui Fiorello non risparmia l’ironia sui lavori stradali per arrivare in città.

Plauso, per ora, ad Amadeus che ha intrecciato musica e cantanti tra generi ed età.

Sissi Corrado

Responsabile del Blog Interessi tanti: lettura, scrittura, teatro, cinema, musica, arte, collezionismo, sociale, ecc.

Leggi anche