Sanremo 2022: terza serata

Il podio della terza serata vede Mahmood e Blanco, Elisa e Gianni Morandi

La terza serata del Festival di Sanremo 2022 non poteva cominciare con l’omaggio di Amadeus e di tutti gli italiani, al Presidente Sergio Mattarella, che oggi, con una suggestiva cerimonia, ha giurato per il suo secondo mandata alla presidenza della Repubblica Italiana. A lui è stata anche dedicata la canzone di Mina “Grande grande grande”, consci della stima che il capo dello Stato ha per la cantante e saputo che è stato tra i fortunati che hanno partecipato all’ultimo concerto della cantante italiana.

Si parte con la gara e Amadeus, prima ricorda la classifica della Giuria della Stampa, Tv, Radio e Web e spiega la modalità di voto che varrà il 50%, poi lascia il palco ai cantanti e la prima a salirvi è Giusy Ferreri, tra le ultime ad esibirsi nelle serate precedenti. Scaletta varia e rimodulazione delle esibizioni che fa girare i cantanti. A co-condurre la terza serata Drusilla Foer, che con il suo modo simpatico, mai volgare, attento e da artista vera, interagisce con il conduttore e senza essere indisponente nemmeno quando si rivolge al direttore artistico e gli dice “senti coso”. Come primo cantante annuncia Massimo Ranieri. Dopo di lui sale sul palco Dargen D’Amico che si lamenta come la prima sera perché le sue esibizioni arrivano sempre dopo grandi artisti, prima i Maneskin e poi Ranieri “mi vuoi male?” dice simpaticamente al conduttore.

Intanto Drusilla si diverte a giocare con il conduttore, con il suo naso, che è un pregio, si maschera da Zorro con tanto di baffi esi muove con sicurezza sul palco come se fosse “casa sua”. Ad un tratto porta anche un caffè, in tenuta quasi notturna, perché bisogna stringere (e fa il gesto con la mano). Al rifiuto del presentatore di berlo perchè troppo tardi, lo invita a offrirlo alla tastierista, una bella ragazza ai piedi della scala, ma Amadeus inciampa. Per fortuna la tazzina è vuota altrimenti avrebbe combinato “un guaio”. Omaggia anche Raimondo Vianello e Sandra Mondaini, mentre i suoi vestiti variano, dai pantaloni all’abito lungo e sempre senza perdere la sua eleganza.

Tanti sono gli ospiti di questa serata: c’è un po’ tutto. La ciclista Elisa Balsamo seduta in platea con la quale il presentatore si congratula per il titolo mondiale vinto nelle Fiandre, augurandole un buon inizio di stagione. A conquistare il palco in maniera definitiva ci pensa Cesare Cremonini che fa il suo esordio sul palco di Sanremo, dove non era mai stato nemmeno invitato e conquista con un medley dei suoi successi, con la simpatia, eleganza e un sincero ed emozionante rispetto per un palco e un pubblico particolare, quello sanremese. Questo è solo il primo intervento del cantante, nel secondo invece, dopo aver presentato il nuovo singolo “La ragazza del futuro”, viene invitato da Amadeus a cantare “50 special” ed è subito amarcord, con l’album dell’allora Luna Pop con in copertina la faccia di una rana, i primi cd, le musicassette e la spensieratezza degli anni passati (per chi li ha vissuti).

Un altro momento di musica con l’Ariston in piedi è dedicato all’esibizione di Gianni Morandi, tra i cantanti più amati dagli italiani, e a Elisa, che riceve un grande applauso per la sua canzone. Entrambi gli artisti sono elegantissimi.

Si passa ad un momento molto serio ed emozionante quando Amadeus si ferma e ricorda che nel 2022 ricorreranno trent’anni dalle stragi di Capaci e via d’Amelio, dove persero la vita i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino con le loro scorte e per Falcone, anche sua moglie. Emozione mentre Amadeus scandisce i nomi di tutte le persone che hanno perso la vita nelle stragi, tra cui l’unica donna dell’arma uccisa in servizio, Emanuela Loi. Il pubblico applaude in piedi omaggiando questi eroi che hanno perso la vita per la giustizia, per lo Stato, per la legalità. A raccontare e ricordare tutto, Roberto Saviano, che ricorda l’importanza dei testimoni di giustizia, in particolare la giovanissima Rita Atria, che si uccise dopo la morte di Borsellino, sentendosi sola nella lotta alla mafia. Un momento davvero molto toccante con le parole di Saviano che coinvolgono il pubblico.

Ospiti del palco anche Anna Valle che sarà in tv con una nuova fiction Lea che parla di bambini, di ospedale, ma l’attrice ci tiene a sottolineare che non sarà solo dramma. Amadeus alle sue ospiti sul palco fa presentare un cantante, alla Valle capita il giovane Matteo Romano, che nonostante l’età è tra i più bravi interpreti della serata. Emma invece, è il big in gara presentato da Martina Pigliapoco, giovane carabiniera nominata Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, consegnatole dal presidente Mattarella per aver salvato una donna in procinto di suicidarsi. Se la Valle indossa un vestito rosso elegantissimo, la carabiniera è in alta uniforme.

L’ultima cantante in gara è Noemi. Quindi c’è lo stop al televoto e prima dell’annuncio della classifica finale c’è un altro momento, quello con la co-conduttrice che sta lasciando il teatro con tutti i suoi abiti, passando per il palco. Ma Amadeus la ferma e la convince a restare. Drusilla allora regala un monologo sull’unicità di ognuno di noi, sulla cura che bisogna avere dei nostri talenti, sull’essere sé stessi stando attenti alle parole perché “le parole sono come gli amanti, quando non funzionano più vanno cambiati”. Un intervento che finisce con una canzone e che riceve l’appaluso del pubblico in sala che ha apprezzato la serata in sua compagnia.

Quindi la classifica finale prevede:

1) Mahmood e Blanco

2) Elisa

3) Gianni Morandi

3) Gianni Morandi

4) Irama

5) Sangiovanni

6) Emma

7) Massimo Ranieri

8) Fabrizio Moro

9) La Rappresentante di Lista

10) Dargen D’Amico

11) Michele Bravi

12) Ditonellapiaga e Rettore

13) Aka7even

14) Achille Lauro

15) Noemi

16) Rkomi

17) Matteo Romano

18) Iva Zanicchi

19) Giovanni Truppi

20) Highsnob e Hu

21) Giusy Ferreri

22) Le Vibrazioni

23) Yuman

24) Ana Mena

25) Tananai

Gli articoli pubblicati sul Blog sono scritti dai Soci dell’Associazione in maniera volontaria e non retribuita
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright CulturSocialArt

Sissi Corrado

Responsabile del Blog Interessi tanti: lettura, scrittura, teatro, cinema, musica, arte, collezionismo, sociale, ecc.

Leggi anche