Ti taggo o non ti taggo, l’amore al tempo di Facebook

immagine da web
immagine da web

I Me Gusta tornano in scena con quello che è stato il loro spettacolo di esordio: Ti taggo o non ti taggo, l’amore al tempo di Facebook, in scena al teatro Testaccio di Roma. Una divertente commedia che fa una parodia sugli amori famosi, quelli che ci hanno incantato soprattutto a scuola, attraverso la loro storia, tra finzione e realtà.

Ebbene, ad essere presi di mira, Lancillotto e Ginevra, Giacomo Leopardi e Silvia, ma anche tanti altri personaggi come Antonio e Cleopatra, che, sulla scena, vengono immaginati alle prese con la nostra tecnologia e con i nuovi media. Che cosa sarebbe accaduto se Facebook fosse stato un mezzo per la socializzazione tra questi personaggi che hanno sempre riempito le nostre fantasie?

A raccontarcelo Gustavo Maccioni e Maria Elisa Barontini, che ne è anche autrice e regista, di questo spettacolo che fa divertire e riflettere su situazioni e periodi storici così lontani. Ma sono davvero così diversi questi amori e situazioni oppure abbiamo solo la necessità di comprendere cosa accade nel nostro intimo? L’amore è sempre amore anche se a dividerci c’è uno schermo e un mondo digitale? Chissà in quale personaggio potremmo riscoprire la nostra storia amorosa, o a chi si avvicinerà la nostra scena preferita.

I ME Gusta proveranno a dare una risposta, in chiave comica a questi quesiti, invitandoci a godere del sentimento più diffuso nel mondo, perché, l’amore, che sia o non sia a lieto fine, va sempre vissuto, fino in fondo.

Sissi Corrado

Responsabile del Blog Interessi tanti: lettura, scrittura, teatro, cinema, musica, arte, collezionismo, sociale, ecc.

Leggi anche