“Dejavù” ricondiziona pc per enti e scuole

immagine da web
immagine da web

A Scandiano è nato un progetto che coinvolge i portatori di handicap in un lavoro lodevole. Si chiama “Dejavù” e consiste nel dare opportunità di lavoro e integrazione a ragazzi disabili che, ricondizionano vecchi  computer per poi regalarli a scuole o realtà sociali che ne fanno richiesta.

Durante l’anno appena trascorso, i ragazzi delle coop Zorella di Puianello, Stradora e Odoardina di Scandiano, con l’aiuto dei volontari dell’associazione Onlus Credere per V

edere di Reggio Emilia, hanno risistemato circa 50 computer donati successivamente a scuole, enti o anche a singoli cittadini in difficoltà economica, rigorosamente ricondizionati e riprogrammati con software opensource, per essere più precisi, con quei software gratuiti che è possibile reperire facilmente in rete.

L’ultima consegna è stata fatta prima di Natale alla Scuola Media Boiardo di Scandiano a cui sono stati consegnati 17 computer che verranno utilizzati da diversi docenti per compilare il registro elettronico. Altri due sono andati al centro Diurno Handicap Adulto “Busetti” di Reggio Emilia e verranno utilizzati per le fasi di comunicazione e dagli stessi utenti del centro con la scrittura facilitata per portatori di diverse abilità.

Per il 2014 il lavoro per questi giovani sembra non mancare, visto che hanno già diverse decine di richieste da parte di enti, scuole e privati. A loro non possiamo che augurare buon lavoro!

Print Friendly, PDF & Email

Se il nostro servizio ti piace sostienici con una donazione PAYPAL

Sissi Corrado

Sissi Corrado

Responsabile del Blog Interessi tanti: lettura, scrittura, teatro, cinema, musica, arte, collezionismo, sociale, ecc.

LEGGI ANCHE