Recensione: Edda Ciano tra cuore e cuore, scalda la serata al Teatro Sala Vignoli

dig

Edda Ciano: tra cuore e cuore, è il musical di Dino Scuderi, andato in scena per la prima romana al Teatro Sala Vignoli, con un successo e apprezzamento di pubblico. Il musical ha testi e liriche di Dino Scuderi ed Elisabetta Tulli, musiche dello stesso Scuderi, regia e coreografie di Roberto Rossetti, interpretato da Floriana Monici, Roberto Rossetti, Brunella Platania, con la partecipazione straordinaria di Michele Canfora e con Alessandra Casalino, Cristina Crescini, Francesco Properzi, Silvia Gattafoni, Enrico Verdicchio, Ilaria Gattafoni, Benedetta Morichetti, Riccardo Grilli e l’Orchestra dal vivo.

Lo spettacolo rispecchia un filone di interesse dello stesso autore, appassionato di storie italiane e dei protagonisti che non sempre rispecchiano uno schieramento ben definito. “Penso che il nostro passato sia ricco di personaggi le cui vicissitudini ben si prestano ad essere trasposte per il teatro musicale” tiene a precisare lo stesso autore.

Da qui la nascita del musical su Edda Ciano, una delle figure più controverse del Novecento. Figlia primogenita di Benito Mussolini e avuta prima del matrimonio con la moglie Rachele, successivamente moglie del conte Galeazzo Ciano uomo di spicco del governo del Duce. Lei ragazza ribelle, autodefinitasi in alcune biografie, “maschiaccio”, testarda e combattiva, per molti versi innovativa sul ruolo delle donne, ha vissuto in uno dei momenti più difficili del nostro paese, confrontandosi anche con vicende familiari altrettanto impegnative. Non a caso di lei viene ricordato il rapporto d’amore con il padre, ma anche con il marito e le cui vicende prendono un tragico epilogo con la condanna a morte di Galeazzo e la disperata richiesta di Edda al padre per salvare il marito.

Il musical non porta in scena le vicende storiche e politiche degli eventi che hanno visto la figlia del Duce protagonista, quanto i sentimenti e la storia personale di una donna combattuta tra il suo amore per il padre e quello per il marito. Il titolo, infatti, cita “tra cuore e cuore” proprio a sottolineare la difficoltà della donna Edda, divisa tra l’amore di figlia e quello di moglie, ma anche l’amore per la patria. Certi, infatti, sono proprio i sentimenti che la donna ha provato per questi due uomini forti che hanno pregiudicato anche le sue libertà, le sue scelte e contro cui lei ha sempre cercato di far valere le sue idee e opinioni. Si vede il ritratto di una donna che ha un concetto di sé stessa e della figura femminile molto in avanti per quegli anni: lei sarà tra le prime ad indossare pantaloni e bikini, ma anche a non accettare la condizione della donna come obbediente e silenziosa al marito.

Tutto ciò viene fuori proprio dallo spettacolo. Edda è una donna dal carattere forte, che non si preoccupa delle convenzioni, della società, interessata più che a voler essere libera e uguale, a voler essere sé stessa.

In scena un cast affiatato e talentuoso. La protagonista, Floriana Morici, mostra ottime doti canore che prendono spunto dai testi di Scuderi come accade a Roberto Rossetti interprete di Galeazzo Ciano. I due interagiscono con abilità sulla scena affascinando il pubblico che si lascia attrarre magneticamente dalla loro voce. Perfetta la performance di Brunella Platania che regala uno splendido cameo al musical. C’è coordinazione, vocalità, tempo, testo, insomma, quello che rende bello e godibile un musical. Bellissimi gli intermezzi musicali di Michele Canfora.

La particolarità di questo musical sta nelle musiche con il loro ritmo, nello stile delle coreografie, nella scenografia accattivante e nell’orchestra punto di riferimento sul palco, oltre che nella bravura degli interpreti sul palco. Un insieme che rende questo spettacolo un vero capolavoro da vedere assolutamente. Appassionante, coinvolgente ed emozionante.

Print Friendly, PDF & Email

Se il nostro servizio ti piace sostienici con una donazione PAYPAL

Sissi Corrado

Sissi Corrado

Responsabile del Blog Interessi tanti: lettura, scrittura, teatro, cinema, musica, arte, collezionismo, sociale, ecc.

LEGGI ANCHE