Pubblicato il: 3 Giugno 2016

L’attesa della felicità

In Recensioni

l'attesa

Il monologo, si sa, è uno spettacolo che, se non recitato bene, se non interessante, è difficile da seguire e da gestire. Ebbene, ciò che accade ne “L’Attesa“, scritto e diretto da Giancarlo Cittadini e interpretato da Elisa Josefina Fattori, in scena fino al 5 giugno al Teatro Elettra, è qualcosa di molto interessante, partendo dal testo, bello, incisivo e coinvolgente.

La protagonista, Sole Terragni, fashion blogger, aspetta, nel suo ufficio la telefonata del suo amante, sposato, ma che deve poter disimpegnarsi per passare del tempo con lei. Mentre la giovane donna aspetta di sentire l’uomo che ama, si aprono per lei momenti di riflessione e di dialogo che coinvolgono anche immagini presenti sulla scena, Bubu un dinosauro, la parte più negativa e quella di Audrey Hepburn, che rappresenta la femminilità più positiva. Nei suoi dialoghi gli argomenti spaziano alla ricerca di una persona, che si rivela essere se stessa. Un intrinseco momento di introspettiva, che aiuta la protagonista nella scoperta delle sue esigenze e necessità di vita. L’attesa dell’amante si traduce nell’attesa di un essere alla ricerca della felicità, che avviene all’interno del proprio essere o, secondo ciò che lei spera, con l’aiuto di persone.

Foto ufficiale - Elisa Josefina Fattori
Foto ufficiale – Elisa Josefina Fattori

Ed è la protagonista che parla con se stessa e al tempo stesso fa parlare i suoi “compagni” di scena, cui da voce. A spezzare i vari argomenti affrontati, a dare spazio al cambiamento, è l’incipit “mia cara Sole“, l’inizio di una missiva giunta per e-mail, rifacendosi, in questo caso, alle sue donazioni alle associazioni, che servono a placare il proprio animo.

Sul palco l’attrice si muove con decisione, senza cadere mai nella monotonia e accendendo l’attenzione sullo spettacolo. Non annoia, anzi coinvolge e mostra le buone doti di artista. La Fattori, affascina e grazie a lei, si sente il coinvolgimento della stessa, mentre traspaiono emozioni forti che coinvolgono l’intero pubblico.  Il tutto sorretto da un testo, che torniamo a ripete, essere davvero incisivo. L’unica nota apparsa un po’ particolare è, ad un tratto dello spettacolo, la decisione di far intervenire la voce registrata, che stacca un po’ dal processo seguito durante tutto lo spettacolo.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Il ritorno della Carmen al Teatro Nuovo di Milano

Sculture, dipinti, acquarelli e schizzi hanno dato corpo ad interpretazioni originali Dopo il grande successo ottenuto nel 2012 nella rappresentazione

Read More...

Il nostro sguardo su Dell’arte della guerra

registi che si definiscono “militanti” Il giorno 15.02 ho assistito al Centro Socio Culturale di Marigliano alla proiezione del docufilm

Read More...

Metro direzione Laurentina al Teatro de’ Servi

metro direzione Laurentina…in arrivo Al Teatro de Servi, in scena “Direzione Laurentina” spettacolo scritto e interpretato da Veronica Liberale, per

Read More...

Mobile Sliding Menu