Pubblicato il: 1 Gennaio 2020

Non é vero ma ci credo al Teatro La Cometa

In Recensioni

scenografia a metà tra il grottesco e il popolare

È in scena al Teatro La Cometa di Roma, lo spettacolo Non è vero ma ci credo. Il comico dramma scritto da Peppino De Filippo, ma frutto dell’ingegno congiunto anche di Eduardo e Titina, è messo in scena dalla compagnia capitanata da Enzo De Caro, e da altri talentuosi attori: Francesca Ciardiello, Giuseppe Brunetti, Lucianna De Falco, Carlo Di Maio, Massimo Pagano, Gina Perna, Giorgio Pinto, Ciro Ruoppo e Fabiana Russo.

La regia dello spettacolo è di Leo Muscato, attore nella stessa commedia proprio durante i suoi esordi, nella compagnia di Luigi De Filippo, di cui raccoglie così l’eredità, riadattandola e riuscendo nell’abile mossa di ambientare la commedia negli anni ’80, avvicinandola nel tempo a noi. Ne esce fuori uno spettacolo contemporaneo, una dramma da ridere, in un escalation di assurdità che sembra rispecchiare il vivere moderno: se oggi ci si rammarica per una manciata di ‘like’, è forse meno “concreta” la paura della iettatura?

I personaggi che compaiono tra una canzone di Nino D’Angelo e una di Tony Esposito, sono talmente reali e caratteristici da risultare familiari: il direttore Savastano, padre di famiglia ossessionato dalla sfortuna, la segretaria Mazzarella, fedele e puntuale collaboratrice, che insieme all’amministratore, al meccanico e al portiere assecondano il superstizioso capo rasentando l’esaurimento, la moglie Teresa e la figlia Rosina che provano ad imporsi contro tanta credulità e fissazione, e Sammaria, il nuovo impiegato portafortuna che prenderà il posto del vecchio Malvurio.

Anche la scenografia merita di essere citata, in semplicità e funzionalità, ma anche a metà tra il grottesco e il popolare, insomma le scene d’interni hanno tutte un unico soffitto coperto di ombrelli e nuvole minacciose che si tingeranno d’arancio o scoppieranno in tuoni assecondando la buona o cattiva sorte dei personaggi sul palcoscenico.

Lo spettacolo, di cui la prima è stata il 20 Dicembre, sarà in scena ancora fino al 12 Gennaio, per poi spostarsi a Teramo e in altre città italiane fino al prossimo Aprile.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Il nostro sguardo su Dell’arte della guerra

registi che si definiscono “militanti” Il giorno 15.02 ho assistito al Centro Socio Culturale di Marigliano alla proiezione del docufilm

Read More...

Metro direzione Laurentina al Teatro de’ Servi

metro direzione Laurentina…in arrivo Al Teatro de Servi, in scena “Direzione Laurentina” spettacolo scritto e interpretato da Veronica Liberale, per

Read More...

Omaggio a Luca Ronconi

Il teatro omaggia Luca Ronconi Il Teatro Argentina di Roma, a cinque anni dalla scomparsa, omaggia Luca Ronconi, artefice del

Read More...

Mobile Sliding Menu