Laganà al teatro Marconi con il suo “Nudo proprietario 2.0”

Nudo proprietario 2.0 - Foto Sissi©
Nudo proprietario 2.0 – Foto Sissi©

Domenica 17 si concluso al teatro Marconi di Roma, lo spettacolo che il comico Rodolfo Laganà sta portando nei teatri romani, “Nudo proprietario 2.0“. il comico romano sta girando nel suo “Raccordo Anulare World Tour” che lo sta portando nei teatri delle periferie romane.

In questo spettacolo è lo stesso Laganà che si mette a nudo, come il titolo del suo spettacolo, scritto insieme a Cruciani e Giglio e diretto dallo stesso attore.

In questo modo scopriamo la vita e le diverse scelte che hanno accompagnato Laganà nella sua vita. Le continue e variate diete che hanno caratterizzato la sua vita, il suo rapporto con le donne, gli amici, e soprattutto con sé stesso. Tutto è spunto per dissacranti battute, divertenti aneddoti, fino a quello che lo fa riscoprire vulnerabile: la sclerosi multipla. Sembrerebbe l’inizio della fine, racconta il comico, invece si riscopre ad essere attaccato ancor di più alla vita, a quella sana e spensierata voglia di esserci. Le corse della nostra società ci portano a ritmi frenetici, come dimostrano le battute e i racconti dell’artista, eppure basterebbe fermarsi un attimo, riflettere e accorgersi che la ricchezza dell’uomo sta nella “nuda proprietà“, quella che lo rende padrone di sé stesso.

È una filosofia che porta lo spettatore a realizzare quanta ricchezza ha ognuno di noi, nel nostro essere che si deprime ma dovrebbe essere più gioioso. Laganà lo fa con disinvoltura, parlando, scherzando e cantando, toccando ogni tipo di argomento, facendo ridere e sorridere.

Nudo proprietario 2.0 - Foto Sissi©
Nudo proprietario 2.0 – Foto Sissi©

Con Rodolfo Laganà, sul palco anche i “suoi unici neuroni rimasti“, quello della memoria, interpretato da Gianni Quinto e quello della musica da Roberto Giglio, attraverso i quali apre un dialogo confrontandosi con se stesso su temi importanti e di spessore, quali politica, sonno, gli altri.

Ma è anche un elogio alla sua romanità, quando spiega il suo “Raccordo Anulare World Tour”, perché il mondo è Roma e tutto gira intorno alla città eterna, quindi anche il suo tour è un giro nel mondo romano, ma che rappresenta il globo.

Bello, interessante e alla fine ricco di falsi finali che scatenano anche gli applausi sinceri del pubblico, mentre resta forte il messaggio che lo stesso comico fa arrivare a chi lo ascolta: “per essere “Nudi proprietari” della propria vita bisogna prima di tutto fare una cosa: rimpadronirsi del proprio tempo, liberi da ogni schiavitù che inganni la mente“.

Print Friendly, PDF & Email

Gli articoli pubblicati sul Blog sono scritti dai Soci dell’Associazione in maniera volontaria e non retribuita
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright CulturSocialArt

Sissi Corrado

Responsabile del Blog Interessi tanti: lettura, scrittura, teatro, cinema, musica, arte, collezionismo, sociale, ecc.

Leggi anche