Prorogata la mostra di Warhol

Flesh: Warhol & The Cow. Le opere di Andy Warhol alla Vaccheria saà visitabile fino al 31 marzo

Successo per la mostra “Flesh: Warhol & The Cow. Le opere di Andy Warhol alla Vaccheria” esposte proprio alla La Vaccheria, il nuovo spazio espositivo di Roma Capitale presso il paesaggio urbano contemporaneo dell’Eur.

Molti i visitatori che hanno fatto capolino nel nuovo spazio dedicato alle mostre, tanto che la stessa è stata prorogata fino al 31 marzo 2023. Le visite alla mostra sono gratuite e possono essere effettuate dal martedì al giovedì dalle 9.00 alle 13.00 e dal venerdì alla domenica dalle 9.00 alle 19.00. Ricordando che nei giorni di festa del 24, 25, 26 dicembre, 1 e 6 gennaio e tutti i lunedì, la mostra sarà chiusa.

A curare la stessa Giuliano Gasparotti e Francesca Mazzei che hanno messo insieme ben ottanta opere che racchiudono il lavoro dell’artista americano che con il suo lavoro ha rivoluzionato un’epoca e il modo di fare arte. Tante anche le opere che hanno segnato un’epoca, come quelle dedicate e Liza Minelli e a Marilyn, o quella ai Barattoli Cambpell, oltre alle numerose copertine di dischi e riviste a cui si dedicò Warhol.

Insieme a queste anche un’altra mostra, “Sacro o Profano…?” nella quale sono raccolte le opere di sedici artisti, professionisti e autodidatti che rappresentano il un forte legame con il territorio e con la sua storia.

Informazioni per il pubblico

La Vaccheria

Indirizzo: via Giovanni l’Eltore 35/37, Roma

Giorni e orari di visita: dal martedì al giovedì dalle 9 alle 13, venerdì, sabato e domenica

dalle 9 alle 19.

Chiusa il lunedì, 24-25-26 e 31 dicembre; 1 e 6 gennaio.

Ingresso gratuito

Per maggiori info:

telefono 06.69612221

sito web https://www.comune.roma.it/web/it/municipio-ix.page

 

Redazione

CulturSocialArt è un blog di informazione e Associazione Ricreativa Multimediale Culturale che si occupa del settore culturale, sociale e artistico, con la pretesa di voler prendere atto di situazioni sociali, culturali e artistiche che non trovano sempre spazio all’interno delle testate giornalistiche o nelle sezioni che si occupano di questi argomenti.

Leggi anche