Gagarine il sogno di Youri

La periferia parigina vista con gli occhi dei giovani sognatori

Gagarine è un film francese che parla dei quartieri periferici, della vita e delle persone che ci vivono. Cité Gagarine è un grande progetto di alloggi popolari alla periferia di Parigi. Il suo nome è legato all’astronauta russo Yuri Gagarine che per primo orbitò intorno alla Terra.

È l’atmosfera spaziale e il sogno di poter vedere la Terra dallo spazio che anima Youri, giovane francese che ha sempre vissuto nel quartiere e in quel casermone che sembra un piccolo paese multiculturale, capace di integrare famiglie provenienti da tanti paesi e che condividono la precarietà del lavoro, la durezza di essere considerati periferici, la difficoltà dell’alloggio.

Le difficoltà della periferia francese sono identiche a qualsiasi periferia. Si fa fatica a mantenere un lavoro, a integrarsi con chi abita accanto. Ci si riunisce in bande, gruppi, ci si aiuta come si può. Youri ha solo sedici anni, ma sa già cosa vuole: da grande farà l’astronauta, viaggerà nell’universo. Nel presente, invece, vuole difendere la sua casa, nella quale vive da solo, perché la madre è andata a convivere con il nuovo compagno e nella nuova casa non c’è posto per lui. Ma vuole difendere in particolare il luogo in cui è cresciuto evitando di separarsi da quelli che considera la sua famiglia. Youri è solo e deve provvedere a sé stesso. Per fortuna ci sono persone che lo aiutano, insieme a due amici Diana e Houssam.

Anche questi ultimi due giovani, vivono la precarietà, la discriminazione, ma non si arrendono. Il più deciso, però, è Youri. Gli appartamenti nei quali vivono, sono destinati alla demolizione, perché non più idonei e sicuri per vivere. Gagarine sta per essere spazzato via nonostante le continue proteste e il lavoro fatto per difenderlo. Youri, però, non vuole lasciare quello che per lui è un luogo magico, la sua “astronave” dalla quale riesce a vedere il mondo, a sentirsi libero.

Gagarine è un film sulla dolcezza della gioventù, sui sogni mai sopiti e sulla caparbietà nel perseguirli, caratteristica che si ha soprattutto quando si comincia ad affrontare il mondo e ancora non si hanno subito quelle cocenti delusioni che si presenteranno strada facendo. È il sogno da realizzare perché la vita è appena cominciata, è il confronto con il mondo adulto e disilluso, è vedere il mondo da un’altra prospettiva. È un film accogliente che attraversa l’anima.

Il film è ispirato alla storia vera del complesso residenziale Gagarine ed è stato girato tra gli appartamenti dello stesso e in collaborazione dei residenti, poco prima che fosse demolito, nel 2019, dopo essere stato inaugurato, come viene raccontato all’inizio del film, dallo stesso astronauta negli anni Sessanta.

Titolo: Gagarine – Proteggi ciò che ami

Paese: Francia

Anno: 2020

Genere: Drammatico

Durata: 97 Min

Regia: Fanny Liatard e Jérémy Trouilh

Attori: Alséni Bathily, Lyna Khoudri, Jamil McCraven, Finnegan Oldfield, Farida Rahouadj, Denis Lavant

Distribuzione: Officine UBU

Gli articoli pubblicati sul Blog sono scritti dai Soci dell’Associazione in maniera volontaria e non retribuita
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright CulturSocialArt

Sissi Corrado

Responsabile del Blog Interessi tanti: lettura, scrittura, teatro, cinema, musica, arte, collezionismo, sociale, ecc.

Leggi anche